Assaggi del IV Tomo di Storie di Lingua a cura del prof Silvio Falato

INTERMEZZO RISTORATORE

(Sesta parte: “Rǝ Bbarrakkònǝ”)

 

A rompere la monotonia della vita quotidiana, ecco che arriva il “Baraccone della Fortuna”, un mastodontico padiglione di forma circolare che trova la sua sistemazione in un angolo di Piazza Castello. E’colmo di ogni ben di Dio: biciclette, giradischi, macchine per cucire, strumenti musicali di vario genere, bambole di diverse dimensioni e fatture, apparecchi radio e perfino un televisore. Nessun oggetto è destinato alla vendita, ma tutto può finire nelle mani di chi è baciato dalla fortuna. Basta partecipare a una specie di lotteria, versando la modesta quota di trenta lire (che in verità a quei tempi e con quella miseria che imperversava era comunque una sommetta da prendere in considerazione). Il possessore del numero estratto sceglie una busta tra le tante, nella quale può esservi uno dei bei regali sopra descritti, ma anche l’avvilente somma di cinquanta lire. Prima che avvenga l’estrazione del premio, il conduttore del gioco propone in cambio l’accettazione di alcuni dei regali esposti (di solito quelli di minor valore) e il giocatore ha la facoltà di accontentarsi o di resistere fino all’apertura della fatidica busta.

Il gioco accalora giovani e anziani e sono tanti quelli che ogni sera, dopo la cena, di corsa si portano in piazza per partecipare alla lotteria della speranza, convinti che prima o poi saranno baciati dalla dea bendata. Nel corso della giornata naturalmente il baraccone è chiuso, dato che i potenziali clienti sono tutti al lavoro. Il gestore, Giovanni, trascorre intere ore a passeggiare in piazza e presto stringe amicizia con i soci della Casina, un circolo ricreativo frequentato dai potenti del paese. Qui da sempre c’è la cattiva abitudine di intrattenersi fino alle ore piccole in giuochi d’azzardo; il nostro Giovanni, che è giocatore di professione, non trova difficoltà alcuna ad ambientarsi nel sodalizio, e ben presto lo si vede conduttore di giochi con poste elevatissime.

Purtroppo i signorotti guardiesi devono subito sperimentare la esagerata fortuna dell’ospite e non sono pochi coloro che a tarda notte tornano a casa con la coda tra le gambe, perché hanno perduto somme ingenti. La cosa fa scalpore nel paese e i nostri ippocastani sembrano ogni sera allungare le loro cime verso la prospiciente piazza per spiare e rendersi conto di ciò che avviene nei pressi nella nostra Casina. In questa maniera assistono a uno spettacolo che essi già avevano sospettato:

Il caro Giovanni, prima di intraprendere il gioco, si premura di nascosto di segnare le carte del nuovo mazzo e poi di riporle con cura nel proprio scatolo, dopo averle naturalmente riavvolte nella cartina di protezione, che ne attesta la verginità. Insomma è un baro di mestiere! Ben presto, però, viene smascherato e, per evitare conseguenze pericolose, di notte smonta in fretta e furia il baraccone e scompare dalla circolazione.

La triste vicenda ha trovato finalmente la sua conclusione, ma resta il danno delle famiglie dei barati, che spesso hanno visto andare in fumo intere proprietà.

 

Sòtt’a rǝ pjéta dǝ Paggljòkkǝlǝ

Sotto gli alberi di ippocastani

 

E a fa kunténta la pǝpǝlazjòne,

E a far contenta la popolazione,

èqqw’arrǝvà ‘nǝ ghrwòssǝ bbarrakkònǝ!

ecco arrivare un grosso baraccone!

A n’àngul’e la chjàzza llà pǝ’ llà

In un angolo della piazza là per là

‘nǝ bbéllǝ jwòrnǝ rǝ vìtǝ sǝštǝmà.

un bel giorno lo vedi sistemare.

 

E akkussì a pprìma òr’e nòttǝ,

E così alle prime ore della sera,

ku ‘nǝ mikròfǝnǝ ‘nǝ bbéllǝ ggjuvinòttǝ

con un microfono un bel giovanotto

la ggéntǝ mmìta a s’avvǝcǝ

la gente invita ad avvicinarsi

e a wardà la rǝkkèzza kǝ šta llà.

e ad osservare la ricchezza cha sta là.

 

Addavèrǝ, tùttǝ bbéllǝ sǝštǝmàtǝ,

Davvero, tutte belle sistemate,

qwànta kòsǝ pwò vvǝdè da ògne llàtǝ:

quante cose puoi vedere da ogni lato:

Ggiratìškǝ, bbǝcǝklétt’e ‘nǝ sofà,

Giradischi, biciclette e un sofà,

tànta bbàmbǝlǝ kǝ chjàmǝn’a mammà.

tante bambole che chiamano “mammà”.

Sèjǝ tròmb’e ‘na màkǝna pǝ kkòsǝ,

Sei trombe e una macchina per cucire,

‘nǝ pjanofòrt’e tre vǝštìt’e špòsǝ.

un pianoforte e tre vestiti di sposa.

Pǝ’ jònt’e ròta, ‘nkòpp’a ‘nǝ štepònǝ,

Per aggiunta di ruota(e inoltre) sopra un stipone,

št’appǝccjàta ‘na televisjònǝ.

sta acceso un televisore.

 

Ku trénta lìrǝ e ‘na bbòna scjòrta

Con trenta lire e una buona sorte

pwò vvènc’e kumplǝméntǝ chjù ‘e ‘na špòrta:

puoi vincere di regali più di una cesta:

T’èdd’ascì kìllǝ nǝmmarjèllǝ llà

Ti deve uscire quel numeretto là

e la bbùšt’affǝrtǝnàt’àj’akkapà.

e la busta fortunata devi scegliere.

 

E llà, attwòrn’a kìllǝ bbarrakkònǝ,

E là, intorno a quel baraccone,

sǝ sònn’e dǝvǝntà ‘nǝ ghràn sǝgnòrǝ

sogna di diventare un gran signore

rǝ jǝrnatjérǝ ke ku ‘na jǝqwàta

l’operaio a giornata che con una giocata

pènza kǝ la fǝrtùra s’è ‘mmǝqqwàta.

pensa che la fortuna si sia piegata (dalla sua parte).

 

Ma po’ a rǝ mǝméntǝ dǝ la pèška,

Ma poi al momento della pesca,

la bbùšta sòja a n’àt’e ddòj’ ammèška;

la busta sua ad altre due mischia;

a la fìnǝ so’ apértǝ tùttǝ qwàntǝ

alla fine sono aperte tutte quante

e sǝ ‘nkujèta ka lǝ mànǝ so’ vakàntǝ.

e si addolora che le mani sono vuote.

 

Rǝ bbarrakkònǝ pe’ ddùj’o tre mmìsǝ šta

Il baraccone per due o tre mesi sta

e la ggéntǝ ògnǝ ssèra v’a jǝqwà,

e la gente ogni sera va a giocare,

e Ggǝwànnǝ kǝ dǝ tùtt’è rǝ pratònǝ

e Giovanni che di tutto è il padrone

a la Wàrdja fa la vìta dǝ sǝgnòrǝ.

a Guardia fa la vita di signore.

 

Rǝ jwòrnǝ ‘nzàpǝ pròpja k’édda fa’

Il giorno non sa proprio cosa fare

e ‘nkòpp’e ssòtta sǝ mètt’a passǝ

e sopra e sotto si mette a passeggiare

pǝ’ ff’amicìzja ku rǝ jǝqwatùra

per fare amicizia con i giocatori

‘e la Kasìn’addò štànnǝ rǝ Sǝgnùra.

della Casina, dove stanno i Signori.

 

 Kka ògne ssèra rǝ pratùn’e rǝ paèsǝ

Qua ogni sera i padroni del paese

štànn’a jǝqwà sénz’abbadà a špésǝ,

stanno a giocare senza badare a spese.

e Ggǝwànnǝ, k‘è dǝ Nàpǝrǝ kalatòrǝ,

e Giovanni, ch’è di Napoli imbroglione,

pùr’ìssǝ tǝrzǝttéglj’a tùttǝ l’òrǝ.

pure lui va a giocare d’azzardo a tutte le ore.

 

La sèra n’aprǝ chjù rǝ bbarrakkònǝ

La sera non apre più il baraccone

e a la Kasìna pàrǝ ‘nǝ mahònǝ:

e alla Casina pare un magone:

Tra pokèrrǝ, ramǝnjéll’e bbakkarà

Tra poker, ramino e baccarà

ògnǝ jwòrnǝ fa ssòld’ in qwantità.

ogni giorno fa soldi in quantità.

 

Ma rǝ jwòkǝ sǝ fa sémpǝ chjù peséntǝ

Ma il gioco si fa sempre più pesante

e fa chjàgnǝ chjù a ùn’e kèšta ggéntǝ;

e fa piangere più ad uno di questa gente;

ògnǝ tàntǝ kakkǝdùn’èscǝ da llà

ogni tanto qualcuno esce di là

mwòrtǝ mwòrtǝ: s’è jǝqwàta la prǝpjètà.

smorto smorto: si è giocata la proprietà.

 

“Demì’!” dìqwǝ ‘na sèra chjànǝ chjànǝ,

“Domè’!” dico una sera piano piano,

‘ént’a ‘stǝ fàttǝ i nǝn cǝ vèwǝ chjàrǝ.

in questo fatto io non ci vedo chiaro.

Amm’a skòprǝ kòm’è kǝ ‘štǝ Ggewànnǝ

Dobbiamo scoprire com’è che questo Giovanni

vèncǝ sémpǝ e fa a tùttǝ chjàgnǝ.

vince sempre e fa piangere tutti.

 

 

“Pasquale caro”, rǝšpònnǝ rǝ kumpàgnǝ,

“Pasquale caro”, risponde il compagno,

“cj’ann’a sta sòtta ki sa qwànta mahàgnǝ:

ci devono stare sotto chissà quante magagne:

Ku rǝ jwòkǝ màjǝ nescjùnǝ s’è arrǝkkùtǝ,

Con il gioco mai nessuno si è arricchito,

pjérdǝ demànǝ kèllǝ k’àjǝ vǝncjùtǝ”.

perdi domani quello che hai vinto (oggi)”.

 

E akkussì rǝ dùjǝ kumpagnjéllǝ

E cosi i due amichetti

fànnǝ la špìja a kìllǝ marjǝncjéllǝ,

fanno la spia a quel ladruncolo,

allònkanǝ lǝ fràsk’a kka e a llà

allungano le frasche di qua e di là

e šqwòprǝnǝ ka lǝ kàrtǝ st’a ssìgnà.

E scoprono che le carte  sta a segnare.

 

Ma la ggèntǝ akkumìncj’avè sǝšpéttǝ

Ma la gente comincia ad avere sospetti

e Ggǝwànnǝ k’è ‘nǝ tìpǝ pròpja ‘nféttǝ,

e Giovanni che è proprio un filibustiere,

qwàndǝ dǝ sòldǝ s’è ffàttǝ ‘nǝ mentònǝ,

quando di soldi ne ha fatto un bel mucchio,

se la šqwàglja ku tùtte re bbarrakkònǝ.

se la squaglia con tutto il baraccone.

 

Pǝ’ rǝ sǝgnùra, dént’a la Kasìna,

Per i “signori”, dentro la Casina,

kontìnwa ògnǝ ssèra la manfrìna:

continua ogni sera la manfrina:

Fi’a la matìna štànnǝ llà a jǝqwà,

Fino alla mattina stanno là a giocare,

lǝ famìgljǝ fànnǝ sémpǝ dǝšpǝrà.

le famiglie fanno sempre disperare.

 

Qwànta vòtǝ, dòppǝ la mezanòttǝ,

Quante volte, dopo la mezzanotte,

àmme vìštǝ kka ssòtt’a ff’a kazzòttǝ

abbiamo visto qua sotto fare a cazzotti

pǝrzǝnàggǝ kǝ ‘nzapévanǝ kǝ ffa’

personaggi che non sapevano come fare

pǝ’ rǝ djébbǝta k’avévǝn’a pahà.

per i debiti che dovevano pagare.

 

‘Štǝ kòsǝ ‘ncj’ànnǝ màjǝ ‘nkujatàtǝ,

Queste cose non ci hanno afflitto mai,

ànzǝ pǝ nnùja so’ mmàlǝ mǝrǝtàtǝ,

anzi per noi sono mali meritati,

pǝkkè rǝ sòldǝ kǝ llà sǝ so’ jǝqwàtǝ

perché i soldi che là si sono giocati

mànqwǝ ‘nǝ pòkǝ sǝ rǝ so’ štǝntàtǝ.

neanche un poco (per nulla) se li sono stentati.

Comments are closed.

Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per fornire alcuni servizi. Cliccando su accetto ne consentirai l'utilizzo. La mancata attivazione potrebbe compromettere la visualizzazione di alcune parti del sito maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi