Assaggi del IV Tomo di Storie di Lingua cura del prof. Silvio Falato

INTERMEZZO RISTORATORE

(Quinta parte: il secondo dopoguerra)

 

Orribile è la situazione nel paese, ma ancora di più lo è la condizione dei soldati, che da anni non danno più notizie. Sbaragliati sui diversi fronti e disorientati perché spesso rimasti senza capi, sono in gran parte fatti prigionieri e costretti a sopportare le pene dell’inferno.

Finalmente, dopo cinque anni di tribolazioni e di morte, si firma la pace e anche Domenico e Pasquale cominciano a vivere giorni migliori. Ritorna intorno a loro la vita laboriosa e contenta di una volta e dappertutto c’è una voglia di dimenticare le tristi esperienze e di ricominciare daccapo.

Dopo qualche anno cominciano a ritornare da terre lontane i cari prigionieri: li vedi giungere l’uno dopo l’altro, quasi irriconoscibili e ridotti a larve umane dai patimenti e dai lunghi periodi di digiuno, ma fortunatamente sono animati dal desiderio di ricominciare una nuova vita.

E, mentre fervono le attività di ricostruzione di quanto la guerra ha distrutto, il popolo, ormai sereno, sente il bisogno di ringraziare la Vergine Assunta per il clima di buon auspicio che si è consolidato nel paese. Così il 1947 si inaugura il nuovo ciclo dei Riti Penitenziali. In un baleno la manifestazione religiosa è messa su, e proprio all’ombra dei nostri due ippocastani si svolge il momento clou della processione, l’incontro dei battenti con la sacra Icone dell’Assunta: due file interminabili di incappucciati sostano inginocchiati davanti alla Santa Protettrice per riprendere poi il loro percorso alla volta della Chiesa Madre. C’è un silenzio di tomba, si percepisce soltanto il sordo rumore della “spugnetta” che affonda i salvifici spilli nel petto sanguinante.

Insieme a queste occasioni di penitenza e di sacrificio si vivono anche momenti di distrazione e di svago; infatti ben presto, con l’avvento del Carnevale, unitamente alle tradizionali serate di ballo, organizzate a suono di tamburo nei portoni degli antichi palazzi signorili, si concertano veri e propri spettacoli di piazza “ ‘Nkòpp’a la Pòrta”, la bella Piazza Castello:

A turno, nel corso delle quattro domeniche del periodo carnevalesco, i quattro rioni del paese vengono in piazza ad esibirsi in lazzi, scherzi e recite in maschera; ora si assiste a una sfilata di giovanotti travestiti da donne avvenenti e prosperose, sculettanti nei loro vaporosi vestiti, ora si è attratti dallo spettacolo satanico della vecchia strega, che, orrenda nelle fattezze e nel costume e attorniata da tanti terribili diavoletti, balla al suono del tamburo, ora ci si diletta nell’assistere alle piroette del bravo cavallo, Barone, ammaestrato dal capo rione,  Luigi “Lo Scassacarrozze”, ora si è deliziati dai bene auguranti pronostici vaticinati dai ragazzi che personificano i dodici mesi dell’anno.

E con questa sfilata di gioviali giovinetti si chiude il periodo dei lazzi, auspicando benessere e felicità a questo laborioso popolo che ha tanto sofferto.

 

Sòtt’a rǝ Pjèta dǝ Pagljòkkǝlǝ

Sotto gli alberi di ippocastani

 

Bombardaméntǝ cǝ nǝ štjérn’assàjǝ,

Bombardamenti ce ne furono molti,

ma dǝ mwòrtǝ, pǝ’ fǝrtùra, qwàsǝ màjǝ:

ma di morti, per fortuna, quasi mai:

Appèna n’apparècchjǝ sǝ sǝntèva,

Appena un aereo si sentiva,

pǝ’ dènt’a a rǝ mǝntànǝ sǝ fǝjèva.

dentro i frantoi si scappava (si cercava rifugio).

 

Pǝ’ rǝ soldàtǝ, uh, qwànta prehjérǝ!

Per i soldati, oh, quante preghiere!

Ma cǝ štjérnǝ tànta mwòrt’e priggjònjérǝ;

Ma ci furono tanti morti e prigionieri;

rǝ vìvǝ, qwàndǝ po’ sǝ n’attǝrnjérnǝ,

i vivi (i superstiti), quando poi ritornarono,

la vìta da rǝ qwàp’akkumǝncjérnǝ.

la vita daccapo ricominciarono.

 

Passàta l’arrǝwìna dǝ dòjǝ wérrǝ,

Passata la rovina di due guerre,

vǝnjérnǝ, pǝ’ fǝrtùra, ànnǝ béllǝ:

vennero , per fortuna, anni belli:

La ggéntǝ štèva sémpǝ chjù kunténta,

La gente stava sempre più contenta,

pùrǝ sǝ s’abbǝffàva dǝ pǝlénta.

anche se si abbuffava (solo) di polenta.

 

Ku tànta sakrǝfìcj’e la fatìka

Con tanti sacrifici e la fatica

la Wàrdja sǝ repìglja: “Bǝnǝdìchja!”

Guardia si riprende: “(Dio) benedica!”

La kasarélla ognunǝ št’akkuncjà,

La casetta ognuno sta ad accomodare,

mahazzìnǝ  vìtǝ nàscj’a kka e a llà.

negozietti vedi sorgere di qua e di là.

N’àta vòta sǝ štà in nkumpagnìja,

Un’altra volta si sta in compagnia,

k’a ttùttǝ pjàcǝ šta’ mmjéz’a la vìja.

perché a tutti piace stare in mezzo alla strada.

Nòtt’e jwòrnǝ  štàmǝ sémpǝ a askutà

Notte e giorno  stiamo sempre ad ascoltare

la kummédja dǝ la vìta kǝ šta kkà.

la commedia della vita che sta qua.

 

La wèrra da dùj’ànn’è gjà passàta

La guerra da due anni è già passata

e la Féšt’e la Madònn’è prǝparàta:

e la Festa della Madonna è preparata:

‘Nnànz’a nnùja, precìs’a l’òr’e pùnta,

Davanti a noi, proprio all’ora di punta,

rǝ ‘nkòntr’e rǝ bbattjénta ku l’Assùnta.

l’incontro dei battenti con l’Assunta.

 

E štànnǝ tùttǝ llà, addǝnǝcchjàtǝ,

E stanno tutti là, inginocchiati,

a ddòjǝ fìra e ‘nzangulǝntàtǝ:

a due fila e sanguinolenti:

La špǝgnǝtélla vàttǝ fòrtǝ fòrtǝ,

La spugnetta batte forte forte,

‘nzǝ pénza chjù a la vìta, ma a la mòrtǝ!

Non si pensa più alla vita, ma alla morte.

 

Ma ‘nzègn’a ‘štǝ mǝmént’e pǝnǝténza

Ma insieme a questo momento di penitenza

la ggént’a kkòsǝ bbéllǝ pùrǝ pénza:

la gente a cose belle pure pensa:

Appèna sèjǝ mìsǝ so’ passàtǝ,

Appena sei mesi sono trascorsi,

sǝ fànnǝ ballamjént’e maškaràtǝ:

si fanno balli e spettacoli di maschere:

 

Pǝ’ qwàttǝ sǝttǝmànǝ, kǝ bǝllèzza!

Per quattro settimane, che bellezza!

Cǝ šta dǝ Karnǝvàlǝ la prjèzza:

Ci sta di Carnevale l’ebbrezza:

D’ògnǝ rjònǝ ghrwòss’e pǝccǝrìllǝ,

D’ogni rione grandi e piccini,

qwànta škérzǝ kǝ fànn’arzìll’arzìllǝ!

quanti scherzi che fanno arzilli arzilli.

 

‘Nkòpp’a la Pòrt’è sémpǝ ‘nǝ teàtrǝ

“Sulla Porta” (nella piazza centrale) è sempre un teatro

e kka e llà tu vìtǝ tànta qwàtrǝ:

e qua e là tu vedi tanti quadri:

Nǝ cjùccj’e nàštr’e scjùra ‘nkannakkàtǝ,

Un asinello con nastri e fiori incravattato,

‘nǝ qwavàll’a mmòt’e ffòrma št’agghindàtǝ.

un cavallo a moda e forma sta agghindato.

 

Nkòpp’a ‘nǝ pàlqwǝ ‘na fìr’e ggjuvinòttǝ,

Su un palco una fila di giovanotti,

vǝštùt’a fèmmǝna, e, lǝ mènnǝ cjòttǝ,

vestiti da donna e (con) le mammelle turgide

šfìrǝnǝ ku velètt’e škullǝtéllǝ,

sfilano con velette e mantelline,

škuléttǝn’e fànnǝ rìt’a krepapéllǝ.

sculettano e fanno ridere a crepapelle.

 

Pòkǝ chjù llà ‘na štrèha vǝcchjarélla

Poco più in là una strega un po’ vecchia

tènǝ ‘mmànǝ ‘na bbélla tammǝrrélla;

tiene in mano un bel tamburino;

son’ e zòmpa chiù ffòrtǝ dǝ n’awrìllǝ,

suona e salta più forte di un grillo,

attwòrnǝ tènǝ tànta djavǝrìllǝ.

intorno tiene tanti diavoletti.

 

Mmjéz’a ‘na fòlla k’aštrègnǝ kòm’a mmòrza

In mezzo a una folla che stringe come morsa

cǝ šta Patìne, rǝ Skassakarròzza,

c’è il (mio) padrino, lo “Scassacarrozze”,

travǝštùtǝ da Kàpǝ dǝ Rjònǝ,

travestito da Capo di Rione,

fa ffa’ lǝ pirulèttǝ a Bbarònǝ.

fa fare le piroette a Barone (è il mio cavallo).

 

Dǝ bbòtta, ku lǝ rìs’e tùttǝ qwàntǝ,

Di colpo con le risate di tutti quanti,

‘na mòrla travǝštùta sǝ fa ‘nnàntǝ:

un gruppo travestito si fa avanti:

A tre a tre, a qwàttǝ ghrùppǝ štànnǝ,

A tre a tre, in quattro gruppi stanno,

so’ ddùdecjǝ, e sso’ rǝ mìs’e r’annǝ.

son dodici, e sono i mesi dell’anno.

 

E tǝ fànnǝ r’aùrǝj’e bbòn’annàta,

E ti fanno gli auguri di buon’annata,

tùtta chjèna dǝ frùttǝ e affǝrtǝnàta;

tutta piena di frutti e fortunata;

sǝ d’à ‘šta bbòna ggéntǝ la špǝrànza

si dà a questa buona gente la speranza

dǝ nǝn vǝdè chjù ‘e pànǝ la mankànza

di non vedere più di pane la mancanza.

 

La ggéntǝ sǝ devértǝ fì’a ssèra,

La gente si diverte fino a sera,

fǝrtùr’e kkòsǝ bbòn’ognùnǝ špèra;

fortuna e cose buone ognuno spera;

nǝscjùnǝ chjù a rǝ wàjǝ vo’ pǝnza’,

nessuno più ai guai vuol pensare,

sǝ cèrka pànǝ, pàcj’e llibbertà.

si cerca pane, pace e libertà.

Comments are closed.

Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per fornire alcuni servizi. Cliccando su accetto ne consentirai l'utilizzo. La mancata attivazione potrebbe compromettere la visualizzazione di alcune parti del sito maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi