Assaggi del IV Tomo di Storie di Lingua a cura del prof. Silvio Falato

INTERMEZZO RISTORATORE

(Terza Parte: La I Guerra Mondiale)

Arriva intanto il Novecento con le sue contraddizioni e i suoi venti di guerra. Scoppia il primo conflitto mondiale e Domenico e Pasquale sono costretti ad assistere a spettacoli sempre più pietosi: mamme e giovani spose attingono l’acqua piangendo, profondamente addolorate per la chiamata alle armi dei loro figli e mariti. E per ben quattro anni si sentono soltanto racconti di vita insopportabile nel fango delle trincee, annunci di lunghe liste di morti falciati dalla mitraglia austriaca, disapprovazioni di donne che, dimentiche dello sposo lontano, hanno accolto un altro uomo nel loro letto.

Nel 1918 arriva la vittoria e grande è la gioia di tutti: Per i serpeggianti vicoletti scorrazzano comitive di ragazzi che giubilanti gridano: “La wèrr’è fenuta! E’ fenùta la wérra!” (La guerra è finita! E’ finita la guerra!); ma spettacoli profondamente contrastanti si presentano agli occhi di tutti: ci sono case (e sono fortunatamente la maggioranza) in cui si suona e si balla per salutare il lieto evento della pace e altre in cui si è funestati da grande dolore: si piange la perdita del caro familiare eroicamente caduto.

Le autorità locali organizzano in piazza le celebrazioni della vittoria e grande è il giubilo popolare; ma la gioia è destinata a durare poco, perché problemi vecchi e nuovi si affastellano e incombono minacciosi sul destino del mondo.

 

Sòtt’a rǝ Pjéta dǝ Pagljòkkǝlǝ

Sotto gli alberi di ippocastani

 

Intànt’è passàtǝ r’Ottecjéntǝ

Intanto è passato l’Ottocento

e rǝ tjémpǝ fùj’annàntǝ kòm’a vjéntǝ.

e il tempo fugge avanti come il vento.

‘Na brùtt’àrja cǝ šta ‘nkòpp’a la térra:

Una brutt’aria ci sta sopra la terra:

Dǝ bbòtt’è škuppjàta ‘n’àta wérra!

Di colpo è scoppiata un’altra guerra.

 

Akkussì, méntrǝ chjàgnǝ  la famìglja,

Così, mentre piange la famiglia,

qwànta ggjùvǝn’ànn’a pǝgljà la vìja:

quanti giovani devono prendere la via:

Màmm’e mǝgljèrǝ pultròpp’ànn’a lassà,

Mamme e mogli purtroppo devono lasciare,

ka r’Auštrjécjǝ pǝ’ ssémp’ànn’a kaccjà.

chè gli Austriaci per sempre devono cacciare.

 

E pǝ’ qwàtt’ànnǝ la ggéntǝ kǝ passàva

E per quattro anni la gente che passava

sultàntǝ kòsǝ bbrùtt’arrakkuntàva:

soltanto cose brutte raccontava:

“Fǝlìpp’ént’a la lòt’e la trǝncèra

“Filippo nel fango della trincea

kumbàtt’e chjàgnǝ da matìn’a ssèra”.

combatte e piange da mattino a sera”.

 

“Ajǝ vìštǝ k’è seccjéss’a Kuncǝttélla?

“Hai visto che è successo a Concettina?

L’è nnàta ‘na krjatùra cjòtt’è bbélla!

Le è nato un bimbo paffuto e bello!

Ku ki l’è ffàtta pròpja nǝ’ le sànnǝ,

Con chi l’ha fatto proprio non lo sanno,

ka rǝ marìtǝ cǝ mànka da dùj’ànnǝ”.

chè il marito  manca da due anni.

 

“ ‘Na lèttǝr’e Karlùccjǝ m’è arrǝvàta,

“Una lettera di Carluccio mi è arrivata,

accjafrǝgnàt’e dǝ làkrǝm’ammǝllàta:

sgualcita e di lacrime bagnata:

‘Ncǝ la fa chjù, šta tùttǝ špaventatǝ,

non ce la fa più, sta tutto spaventato,

ka mòrt’e ssàngwǝ vèt’a ògnǝ llàtǝ”.

che morte e sangue vede da ogni lato”.

 

Pǝ’ fǝrtùra arriva la vittoria,

Per fortuna arriva la vittoria,

pǝ’ ttùttǝ rǝ paèsǝ, kǝ baldòrja!

per tutto il paese, che baldoria

M’a ttànta štànn’a llùtt’e addǝlǝràtǝ,

Ma in tanti sono a lutto e addolorati

pǝ’ ‘nǝ fìgljǝ kǝ nǝn zǝ n’è attǝrnàtǝ.

per un figlio che non è ritornato.

 

Dòppǝ qwàtt’ànnǝ dǝ chjàgn’e dǝ lamjéntǝ,

Dopo quattro anni di pianto e di lamenti,

pǝ’ rǝ mùnnǝ n’è kagnàtǝ pròpja njéntǝ;

per il mondo non è cambiato proprio niente;

la ggéntǝ, sǝ vètǝ k’è šbandata:

la gente, si vede che è sbandata:

Pàrǝ kunténta sùl’a l’adunàta.

Sembra contenta solo all’adunata (militare).

Comments are closed.

Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per fornire alcuni servizi. Cliccando su accetto ne consentirai l'utilizzo. La mancata attivazione potrebbe compromettere la visualizzazione di alcune parti del sito maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi