Assaggi del IV Tomo di Storie di Lingua a cura del prof. Silvio Falato

INTERMEZZO  RISTORATORE

(Seconda Parte)

 

I nostri due cronisti (rǝ pjéta dǝ pagljòkkǝlǝ) sono da tempo entrati nell’attiva vita quotidiana della comunità guardiese. La mattina, prima dell’alba, sono in compagnia di una miriade di operai agricoli, venuti di buon’ora a mendicare la giornata lavorativa. Non è certo uno spettacolo confortante vedere tanta brava gente in stato di asservimento completo ai “quattro” signori latifondisti del paese. E questi, circondati dai loro bravi scagnozzi, con tutta la loro tracotanza si scelgono i giovani più robusti e vigorosi e li affidano ai loro garzoni che provvederanno poi ad accompagnarli in campagna, naturalmente a piedi. L’operazione di arruolamento degli operai dura parecchio, ma alla fine sono tanti coloro i quali si vedono scartati, perché ritenuti poco idonei a sopportare gli stenti e i duri lavori della giornata. Costoro, tristi e demoralizzati, faranno poi ritorno alle loro case, con gli occhi pieni di lacrime, perché anche quel giorno le loro famiglie vedranno nude le mense. Intanto il paese si sveglia. Al soave ciarlare degli uccelli si uniscono i piacevoli rintocchi dell’incudine del mastro ferraio, e una vitalità gioiosa c’è per ogni dove: un vecchietto rimprovera e minaccia col bastone un monello che lo prende in giro; due donne che sono venute ad attingere l’acqua si accapigliano perché una delle due non ha rispettato il turno e prepotentemente ha piazzato, prima di tutte,  la sua brocca sotto il rubinetto; più in là tuonano voci di critica al sindaco e agli amministratori perché il banditore ha annunciato che fra qualche ora sarà sospeso l’approvvigionamento dell’acqua potabile per l’intera giornata.

 

Sòtt’a rǝ Pjéta de Pagljòkkǝlǝ

Sotto gli alberi di ippocastani

 

E da kka, kòm’a ddòjǝ sǝntǝnéllǝ,

E da qua, come due sentinelle,

kǝ kkòsa n’àmmǝ vìštǝ dǝ bbrùtt’e bbéllǝ,

che cosa non abbiamo visto, di brutto e di bello,

tùttǝ kèllǝ kǝ r’òmǝ sàpǝ fa’

tutto quello che l’uomo sa fare,

e špìssǝ ‘nzǝ po’ pròpj’arrakkunta’:

e spesso non si può proprio raccontare:

 

Ognǝ matìna, prìma dǝ fa’ jwòrnǝ,

Ogni mattina prima di fare giorno(prima dell’alba)

akkumǝncjàva sémpǝ rǝ talwòrnǝ:

cominciava sempre la solita tiritera:

Zappatùr’a mmentùna, a kka e a llà,

Zappatori a mucchi, di qua e di là,

vǝnévanǝ la jǝrnàt’a zangarjà!

venivano ad elemosinare la giornata (lavorativa)!

 

Ku lǝ mmappàt’ e rǝ bbǝvéntǝ ‘nqwòllǝ

Coi fagotti (della colazione) e il bidente in ispalla

rǝ vǝdìvǝ tutt’aggitàt’e mmwòllǝ:

li vedevi tutti a gitati e madidi.

Rǝ sǝdòrǝ ascèva in quantità

Il sudore usciva in quantità

pǝ’ la paùra dǝ sǝ vǝdè škartà.

per la paura di vedersi scartare.

 

Ognǝ tàntǝ facèvanǝ r’inkìnǝ

Ogni tanto facevano l’inchino

k’arrǝvàva rǝ pratòn’e rǝ lekkìnǝ:

che arrivava il padrone col servetto (il lacchè)

Rǝ méglj’e rǝ chjù ‘nghérbǝ s’akkapàva,

I migliori e i più validi si sceglieva,

rǝ warzòn’a la kampàgna rǝ pǝrtàva.

il garzone li accompagnava (poi) in campagna.

 

E kìllǝ k’èva chjù arrangǝnàtǝ

E quello che era (fisicamente)più malandato

sǝ nǝ jèva, vǝdénnǝsǝ škartàtǝ,

se ne andava, vedendosi scartato,

a la kàsa e chjagnénnǝ sǝllǝzzàva

a casa e piangendo singhiozzava

ka mànqwǝ kìllǝ jwòrnǝ sǝ magnàva.

che neanche quel giorno (con i suoi) avrebbe mangiato.

 

Sémpǝ kìštǝ è štàtǝ rǝ dǝštìnǝ

Sempre questo è stato il destino

‘e rǝ paìs’addò qwàttǝ sǝgnǝrìnǝ

dei paesi dove quattro signorotti

ku prepoténza sǝ fànnǝ rǝšpǝttà,

con prepotenza si fanno rispettare,

ka so rrìkkǝ e ànn’a kumannà.

perché son ricchi e devono comandare.

 

Dǝmìnǝqw’e Paskàrǝ, ghrussǝcjéllǝ,

Domenico e Pasquale, grandicelli,

èvanǝ sémpe kàsa d’aucjéllǝ,

erano sempre casa (ricovero) di uccelli,

e pǝ’ tùtta la  štaggjòn’a kka e a llà:

e per tutta l’estate di qua e di là:

Kǝ kuncértǝ!  Eva sémpǝ ‘nǝ “cjà…cjà“.

Che concerto!  Era sempre un “cjà…cjà”.

 

A rǝ kànt’e rǝ francìll’e lǝ cǝchjàrǝ

Al canto dei fringuelli e delle cicale

s’aunèva rǝ rǝmòr’e rǝ fǝrràrǝ.

si univa il rumore del fabbro.

Re màštre ku la ‘nkùnj’e rǝ martjéllǝ

Il maestro con l’incudine e il martello

accjarèva rǝ bbǝvént’e rǝ raštrjéllǝ.

rifaceva il taglio (acciaiava) al bidente e al rastrello.

 

Eva sémpǝ ‘na kummǝrtazzjònǝ:

Era sempre un’armonia:

Mo’ ‘nǝ vjécchjǝ aizàva rǝ bbastònǝ

Ora un vecchio alzava il bastone

e alleqqwàva kòntr’a ‘nǝ wagljònǝ,

e sbraitava alla volta di un ragazzo,

kǝ, škuštǝmàtǝ, rǝ facèva la kugljònǝ;

che, scostumato, gli faceva sberleffi;

 

mo’ vǝdìvǝ dòjǝ fèmmǝn’alleqqwà,

ora vedevi due donne strepitare,

ka pǝ’ ffòrza ùn’annànz’èva passà:

perché con violenza una doveva passare avanti:

Prìm’e l’àtǝ ‘ntǝrzàva la langélla

Prima delle altre spingeva la brocca

sòtt’a rǝ kùrz’e la fǝntàna bbélla.

sotto il cannello della bella fontana.

 

Zìttǝ, ka ‘nǝ swòn’e trǝmbǝttélla

Zitti, che un suono di trombettina

vèn’a llà, da ‘Nkòpp’a la Pǝrtélla!

viene da là, da Sopra la Portella!

‘Mpìzza l’awrècchjǝ, è rǝ bannetòrǝ:

Tendi le orecchie, è il banditore:

“Ogge sǝ léva l’àqqwa pǝ’ ssètt’òrǝ!”[1]

“Oggi si toglie l’acqua per sette ore!”

 

Silvio Falato

 

 

[1] La grande croce di sempre: nei mesi estivi s’interrompeva l’erogazione dell’acqua per diverse ore al giorno.

Comments are closed.

Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per fornire alcuni servizi. Cliccando su accetto ne consentirai l'utilizzo. La mancata attivazione potrebbe compromettere la visualizzazione di alcune parti del sito maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi