Paziente proveniente dalla Maugeri di Telese morta al S. Pio di Benevento con Covid-19. Effettuati 50 tamponi tra dipendenti e ricoverati. Domani sapremo

Tutte le strutture da settimane applicano severi protocolli per contenere diffusione Covid 19

Auto della Polizia di Stato del Commissariato di Telese Terme dinanzi ai cancelli della Maugeri (Istituti Clinici Scientifici Maugeri Spa Società Benefit) di Telese Terme.

Una proceduta scattata dopo che una paziente, poi trasferita al Rummo di Benevento e dopo poche ore deceduta, era risultata positiva al tampone per Covid 19.

Sono stati effettuati 50 tamponi tra dipendenti e ricoverati in cardiologia al Maugeri. Domani sapremo

Dalla Fondazione Maugeri nazionale arriva un chiarimento in merito alle procedure messe in atto ormai da settimane all’interno della Clinica di riabilitazione che ha sede a Pavia, quindi una regione, la Lombardia, da tempo purtroppo alle prese con il Covid 19.

La donna, pensionata, come spiega la Fondazione Maugeri era stata ricoverata il 24 marzo dopo un intervento chirurgico al quale era stata sottoposta in una clinica dell’avellinese.

“Risultata affetta anche da pneumotorace, aria nel cavo pleurico, che rende difficoltosa la respirazione, la paziente – spiega la Maugeri -, pur in assenza di sintomi specifici da COVID-19, era stata sottoposta a una lastra di controllo che evidenziava chiari segni di interstiziopatia con impegno alveolare e, per questo, veniva trasferita al San Pio di Benevento il giorno 27 marzo, come caso sospetto. Del fatto era stata tempestivamente informata l’ASL di Benevento.

La signora – spiega ancora la nota della struttura riabilitativa – era però deceduta improvvisamente, appena arrivata al nosocomio beneventano e il tampone effettuato ha dato, ieri, esito positivo”.

Per questi motivi sin dal primo momento del sospetto “la Direzione sanitaria dell’IRCCS Maugeri Telese ha già provveduto a censire i contatti stretti avuti dalla paziente in ospedale: il personale che la seguiva operava già in regime precauzionale, indossando i dispositivi di protezionale individuale – dpi e rispettando i protocolli, per cui si procederà – secondo la normativa nazionale e regionale – all’osservazione stretta, che consiste nel rilevamento della temperatura corporea due volte al giorno e nel controllo di eventuali sintomi.

L’IRCCS Maugeri Telese, d’altronde, ha adottato già da qualche settimana, in linea con i 17 istituti Maugeri presenti nelle altre cinque regioni italiane, un regime precauzionale che comprende la sospensione delle visite ai pazienti e l’osservanza, da parte del personale, di tutte le misure preventive necessarie”.

Comments are closed.

Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per fornire alcuni servizi. Cliccando su accetto ne consentirai l'utilizzo. La mancata attivazione potrebbe compromettere la visualizzazione di alcune parti del sito maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi