“Marzo in Via Filippo De Blasio” di Silvio Falato

Mettiamo per un momento da parte le preoccupazioni e concediamoci un attimo di confortevole riposo: ci facciamo cullare da una poesia che trasporta animo e mente alla Strada Filippo De Blasio (dallo “Stretto della Portella” alla Fontana del Castello) ritraendola così com’era nel mese di marzo negli anni ‘50.

“Marzo in Via Filippo De Blasio”

di Silvio Falato

E’ passàte kìlle frìdde ‘nkurejelùte 1)

ke ce facèv’astrègne spàll’e djénta,

‘mmjéz’a la vìja vèwe ka so’ ascjùte

le vecchjarélle ku tùtte re parjénta.

 

Mo’ kka, mo’ llà se pjàzzane la séggja

pe’ s’arrebbà ‘na sferretéll’e sòle; 2)

‘na wagljencélla zempelèglja 3) léggja léggja4)

‘nnànz’a la kantìna de Totòre.

N’adddòr’e pàne frìsqwe da la kùpa1)

‘mprefùma l’àrja kauteréll’e dòce,

dòje krejatùre pazzèjane kù la pùpa,

re bbalekòne se àpre e fa re sòce.2)

 

Ke kummertazjòn’ 3)  e k’ammuìna: 4)

 Le fejelèlle kàntene e fànne girotònde,

re wagljùna allùqqwane pe re qwastjéll’ammònte,

re skarpàre ‘nchjòva ‘nkòpp’a re bankarjélle,

re falegnàm’azzìm’a kòlpe de sqwarpjélle.

Orlànde ‘mmòtta 5) e làva re varrìle, 6)

ne nìnne chjàgne: se krèsce vìle vìle. 7)

Kka ‘na àtta pòrt’apprjésse re mescìlle,8)

chjù llà ‘ne qwàn’abbàj’arzìll’arzìlle.

 Ma de kòlpe re tjémpe s’è ‘ngrugnàte

e Itùccja se chjàma le allìne;

re cjéle pàre tùtte ‘ntrevelàte,1)

‘ne vjénte frìdde!… e chjòve fìne fìne.

 

‘E press’e prèssa 2) bahàglj’e bahattélle

se pòrtene da dènte mèze mòlle;

se ne so’ trasùte pùre le vecchjarélle,

se qwòprene le spàlle ku re skòlle. 3)

 

Mmjéz’a la vìja ‘nce sta chjù ‘ne qwàne

e llà ffòre ‘na fenéstra sbàtte;

s’è ‘ntrevelàte ‘ne tjémpe k’èva sàne;

‘nce sta da fa’ , kìste Màrz’è màtte!

1)’nkurejelùte: agg.”rigido” (riferito al  freddo pungente);  il termine è coniato su “qwòreje” = cuoio (dal lat. “corium”), in quanto il freddo è “duro, rigido  come il cuoio”;

2) sferretélla: s. f. “ raggio (di sole) tiepidino”; vezzeggiativo di “sférra” = raggio di sole. Il termine  è  deverbale da “sferrà” = scongelare, contrario di “ferrà” = gelare, costruito su  “ferro”, dato che il ghiaccio è duro come il ferro. La  voce “sférra” indica anche la lancetta dell’orologio, in quanto i primi misuratori del tempo recavano due sferette alle estremità delle lancette (è ancora possibile vederle sugli orologi da torre) . Il  secondo significato s’incrocia con il primo;

3)  zempelèglja: v. intr “saltella”; terza persona di “zempelejà”, iterativo di “zempà” = saltare, voce pandialettale di origine onomatopeica;

4) lèggja  léggja: agg. “leggera  leggera” per  dire “con  agilità”. 

1)kùpa: s. f. “vicolo”; lat. “cupa”, femm. di “cupus” = oscuro, dato che il vicolo riceve poca luce del sole;

2) sòce: s. m. “topo”, “sorcio”.  Il termine   è  usato in  senso  figurato  e  indica  qui  il riverbero della luce del sole effettuato nel nostro caso dal vetro di un’anta del balcone che si apre o si chiude. Per capire il collegamento semantico con “sorcio” basta pensare al gioco  con lo specchietto che praticavamo da bambini: forniti di un frammento di vetro o, se si era fortunati, di specchio,  ci si divertiva a riflettere il disco  solare sui muri della case o sul volto delle vicine,  intente ai  lavori femminili davanti alle loro abitazioni, riflesso che con un minimo movimento della mano corre velecemente qua e là, come appunto fa il topo;

3)  Kummertazjòne: s. f. “piacevole compagnia”; il termine (prevede un precedente *convertazione) è coniato sul verbo latino “convertere”= dirigersi insieme,  avere dimestichezza e affetto;

4)  ammuìna: s. f. “trambusto”, “confusione”, qui “piacevole baccano”; è lo spagnolo “mohina”  con “a” prostetica di appoggio;

5) ‘mmòtta: v. tr. “ travasa”; è il verbo italiano “imbottare” = “versare nella “botte”;

6) varrìle: s. m. “barile”; spagnolo “barril”;

7) vìle vìle: agg. “esile esile”; è il latino “vilis” = di scarso valore;

8) mescìlle: s.m. “micino”; diminutivo di “mùscje”= micio,  gatto, costruito probabilmente sul latino “mus” = topo, in quanto prende i topi. 

 1)’ntrevelàte: agg. “torbido””cupo”; deaggettivale da “trùvele” =  torbido;  dal latino “turbidus”, passato per metatesi a *trubidus e  per evoluzione b>v   d>l   a “trùvele”;

2) ‘e préssa ‘e préssa: locuzione avverbiale “in fretta in fretta”; espressione costruita su “préssa” = fretta, deverbale dal latino “pressare”= spingere, iterativo di “premere”(participio “pressus”);

3) skòlle: s. m. “scialle”; voce costruita su “collo”, in quanto avvolge il collo.   


INTERPRETAZIONE

E’ passato quel freddo pungente che faceva stringere spalle e denti.

La strada già pullula di vecchiette, uscite all’aria aperta insieme ai loro familiari.

Or qua or là sistemano le proprie sedie per godersi l’incipiente calore primaverile e, seguendo il corso del sole, si spostano di tanto in tanto, quasi come per rubare ogni piccolo raggio dell’astro brillante.

Una bimba saltella agile e spensierata davanti alla bettola di “Totore”.

Un profumo di pane appena sfornato si diffonde nella dolce aria di  primavera. La massaia spalanca il balcone, e il riverbero della luce del sole illumina a guisa di flash due creaturine che sul ballatoio seriosamente conversano con le loro bambole.

Che armonia e che dolce baccano!

Le adolescenti cantano e fanno il girotondo, i ragazzi, inerpicandosi a gara lungo le pareti della roccia del castello, mandano grida squillanti.

Il calzolaio batte e ribatte suola e chiodi presso il suo deschetto; il falegname è tutto impegnato a dar forma a un utensile a colpi di scalpello.

Orlando, intento a travasare il vino sulla porta della sua cantina, risciacqua il barile; un bimbetto piange lamentando la sua salute malferma.

Qua una gatta procede prudente con al seguito i suoi micini, più in là un cane abbaia brioso, agitando il muso all’aria fresca e profumata.

Ma all’improvviso quel clima sereno e confortevole si rabbuia, e Iduccia già chiama a raccolta le sue galline; il cielo  si è fatto  bigio e minaccioso, spira un vento freddo e comincia a piovigginare.

Gli artigiani in fretta e furia portano al riparo nella  bottega arnesi  e manufatti già mezzo bagnati; malvolentieri sono rientrate pure le vecchiette e per il freddo si coprono le spalle con lo scialle.

Ormai in istrada non c’è più nessuno. Tutto tace: si sente soltanto lo sbattere cadenzato di una finestra, preda del vento.

Inaspettatamente s’è imbronciato un tempo che era così dolce e sereno.

Quanto micidiali sono i colpi di testa del mese di marzo! 

Comments are closed.

Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per fornire alcuni servizi. Cliccando su accetto ne consentirai l'utilizzo. La mancata attivazione potrebbe compromettere la visualizzazione di alcune parti del sito maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi